Vai al contenuto
Home » Al “Bottazzi” di Taurisano un’assemblea contro la violenza sulle donne

Al “Bottazzi” di Taurisano un’assemblea contro la violenza sulle donne

L’assemblea d’Istituto organizzata nell’IIS F. Bottazzi di Taurisano, ha coinvolto tutte le classi in cui si è affrontato il tema della violenza di genere, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Il percorso di sensibilizzazione su questo tema è stato già avviato nell’Istituto taurisanese a partire dall’incontro con la Polizia di Stato, svoltosi il 15 Novembre: in quell’occasione sono stati informati i giovani su specifiche tematiche e sono stati coinvolti nella di campagna di sensibilizzazione al rispetto.

Gli operatori specializzati hanno accompagnato i loro interventi con filmati e casi concreti verificatisi nella provincia Lecce.

Il Vicequestore, Dott. Salvatore Federico, e altri due operatori si sono soffermati sulla spiegazione del Codice Rosso e le procedure e i protocolli di aiuto messi in atto a tutela delle donne e dei soggetti deboli che subiscono violenze, mentre i ragazzi hanno interagito positivamente, sentendosi emotivamente coinvolti dalla presenza dei rappresentanti delle forze dell’ordine, che hanno fatto capire agli alunni che è certamente un percorso duro.

Molte donne ogni giorno si trovano ad affrontare situazioni analoghe, come un vortice che ti prende e ti trascina con esso, che ti porta a perdere tutto: la tua identità, la tua femminilità, e solo la consapevolezza e l’obbedienza riescono a farti uscire da questo incubo.

Il percorso, come ricordato prima,  si è concluso ieri con una giornata scolastica diversa dalle altre in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle Donne, che ha visto la partecipazione attiva di docenti, dei ragazzi e di diversi ospiti.

La prima parte della giornata è stata dedicata alla visione di un video sulla tematica della violenza di genere, conclusasi con il canto di “Vietato morire”, la canzone di Ermal Metainterpretata in modo toccante dal coro di tutti i ragazzi protagonisti dell’assemblea d’Istituto.

Un secondo momento è stato dedicato al dibattito, con una serie di interessanti interventi di ospiti.

Ha aperto il dialogo la psicologa del CAV “Il Melograno” Dott.ssa M. Garzia la quale, al termine del suo intervento, ha risposto alle numerose domande poste dai ragazzi.

A questo primo intervento ha fatto seguito quello di un’ospite vittima di violenza, che ha condiviso con i ragazzi la sua esperienza e il suo percorso di rinascita.

La donna ha raccontato di essere stata, per anni, vittima di soprusi, e di essere riuscita ad andare avanti e ad uscire dall’orribile incubo che per tanto tempo l’ha tormentata.

Lei, oggi, ha deciso di raccontare la sua esperienza nella speranza di poter essere d’aiuto alle tante donne vittime di violenza, a tutte coloro che non hanno la forza di reagire, che si sentono sole ed incomprese, per poter mettere in atto un’opera di prevenzione, parlando alle nuove generazioni della sua difficile storia personale.

Il momento successivo ha visto, poi, ragazzi e docenti uniti in emozionanti e significative letture di due brani molto forti e toccanti: Fiore di loto e Dark violet, tratti da “Ferite a morte” di Serena Dandini.

È seguita poi la proiezione dello stupendo monologo di Roberto Benigni dedicato alla donna, contestualmente recitato dal coro dei ragazzi e da loro apprezzato con un fragoroso e sentito applauso conclusivo.

Infine, ha concluso l’Assemblea la lettura e il reading musicale di poesie e riflessioni sul tema della giornata, fissati anche su cartelloni artisticamente realizzati ed esposti per l’occasione.

Non sono mancati i ringraziamenti della Direttrice di Sede, Prof.ssa Dunia Di Seclì, verso gli ospiti per la loro presenza e tutti i ragazzi per lo straordinario impegno profuso nei giorni antecedenti l’assemblea dedicati alla preparazione dei vari momenti di questa significativa giornata.

Il tema della Violenza sulle Donne riguarda tutti ed è fondamentale dedicare spazi e tempi adatti a dar voce e quindi conoscere e prevenire questo “fenomeno”, soprattutto nei luoghi di educazione come la scuola.

Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *