Vai al contenuto
Home » Gallipoli, lungomare Galileo Galilei: abbattimento della struttura a travoni

Gallipoli, lungomare Galileo Galilei: abbattimento della struttura a travoni

Inizieranno lunedì i lavori di abbattimento della cosiddetta struttura a travoni posizionata nel tratto centrale del lungomare Galileo Galilei al fine di mettere in sicurezza l’area.

Nella seconda metà degli anni novanta del secolo scorso, nell’ambito di un progetto denominato “Gallipoli Mediterranea” era stata infatti avviata la riqualificazione del suddetto lungomare, in particolare nel tratto compreso tra “piazza del Mare e via Udine”. Nello specifico, il progetto prevedeva la realizzazione di diversi manufatti ed elementi decorativi per la riqualificazione del Lungomare che, nel corso degli anni,  sono stati soggetti alle azioni atmosferiche che hanno influito sullo stato di conservazione; parte di queste strutture risultano in buono stato di manutenzione ad eccezione del travone, in corrispondenza di Piazza Falcone-Borsellino, interessato da forte degrado.

Da tempo tale struttura è circoscritta e transennata al fine di garantire la sicurezza dei cittadini da possibili crolli di parte del materiale dovuti al distacco di copriferro in calcestruzzo a seguito di ossidazione delle armature metalliche: per questo motivo, essendo l’area molto frequentata specialmente nel periodo estivo, l’Amministrazione comunale ha scelto di abbattere definitivamente l’elemento.

“La struttura non permette una giusta fruizione dell’area e questo rappresenta un impedimento per la comunità – commenta l’assessore ai Lavori Pubblici Riccardo Cuppone – Il nostro obiettivo è quello di rendere la città più sicura, non solo installando gli impianti di videosorveglianza come precedentemente comunicato ma anche non compromettendo il rischio fisico delle persone. Un obiettivo a lungo termine è anche quello di riqualificare l’intero lungomare con progetti specifici cui l’Amministrazione da anni sta lavorando. Nel frattempo, non potendo aspettare oltre, abbiamo il dovere di intervenire sulle urgenze”.

L’area cantiere è stata già delimitata ed entro la fine del mese i lavori saranno completati.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *