Fuochi d’artificio illegali, la polizia “rovina” la festa in città

Seicento chili di fuochi d’artificio sono stati sequestrati dalla Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Lecce e del Nucleo Interregionale Artificieri della Polizia di Stato, che ha sede presso la Questura di Bari, in località Oliveto nel Comune di Aradeo, pronti per essere sparati in occasione dei festeggiamenti in onore di Maria Santissima Annunziata. Quattro le ditte coinvolte nel blitz, due con sede nella provincia di Lecce, una a Bari e l’altra a Foggia. Il proprietario di un’Azienda di Galatina è stato pizzicato con 261 manufatti esplosivi di produzione clandestina. Il titolare è risultato sprovvisto anche del nulla osta al trasporto e cosi i poliziotti hanno sequestro 124 articoli pirotecnici del tipo regolamentare. Anche la ditta di San severo è risultata sprovvista del nulla osta al trasporto e così sono stati sequestrato 385 articoli pirotecnici. 57 manufatti esplosivi sono stati sequestrati, invece, alla ditta di Gioia del Colle, perchè in parte di produzione irregolare e in parte privi dell’obbligatoria omologazione CE. Sono in corso accertamenti su una ditta di Matino che all’atto della verifica aveva già svolto lo spettacolo pirotecnico. I titolari delle prime tre ditte saranno denunciati per i reati commessi ed inoltre si procederà in via amministrativa, al fine di ottenere la sospensione o la revoca delle licenze. Altri controlli proseguiranno nei prossimi giorni su tutto il territorio della provincia al fine di verificare il rispetto delle prescrizioni contenute nelle licenze di pubblica sicurezza rilasciate dal Questore e dal Prefetto.


Condividi
  • 1
  •  
  •  
  •  

Potrebbero interessarti anche...